Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
Procedimenti di:
Mobilità
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Aree Tematiche ›› Ambiente, Territorio e Mobilità ›› Mobilità ›› Mare d'estate ›› Mare d'estate - Stagione 2019

Mare d'estate - Stagione 2019

Questi i principali provvedimenti stagionali legati ai trasporti pubblici, alla viabilità, alla sosta, alla sicurezza nelle località balneari.

SERVIZIO GRATUITO DI BUS NAVETTA PER MARINA DI RAVENNA E PUNTA MARINA TERME

Da sabato 20 aprile a domenica 1 settembre torna il servizio gratuito di bus navetta svolto da Start Romagna per conto del Comune, dai parcheggi di via del Marchesato e di via Trieste al litorale di Marina di Ravenna e dal parcheggio di via Trieste al litorale di Punta Marina Terme.

Il Navetto Mare circolerà sabato 20 aprile dalle 14 alle 2, domenica 21 dalle 9 alle 2, lunedì 22 dalle 9 alle 22, giovedì 25 dalle 9 alle 4, venerdì 26 dalle 14 alle 2, sabato 27 dalle 14 alle 2, domenica 28 dalle 9 alle 22, mercoledì 1 maggio dalle 9 alle 22.
Dopo di che circolerà tutti i sabati di maggio dalle 14 alle 2, tutte le domeniche di maggio dalle 9 alle 22, sabato 1 giugno dalle 14 alle 4, i successivi venerdì di giugno dalle 20 alle 2, i successivi sabati di giugno dalle 14 alle 2 (tranne sabato 22, quando circolerà dalle 9 alle 2), le domeniche di giugno dalle 9 alle 22.
In luglio il Navetto Mare circolerà venerdì 5 dalle 20 alle 4, sabato 6 dalle 9 alle 4, domenica 7 dalle 9 alle 22; dopo di che circolerà tutti i venerdì di luglio dalle 20 alle 2, tutti i sabati dalle 9 alle 2, tutte le domeniche dalle 9 alle 22 e lunedì 22 luglio dalle 20 alle 4.
In agosto il Navetto Mare circolerà venerdì 2 dalle 20 alle 2, sabato 3 dalle 9 alle 2, domenica 4 dalle 9 alle 22, venerdì 9 dalle 20 alle 2, sabato 10 dalle 9 alle 4; domenica 11, lunedì 12 e martedì 13 dalle 9 alle 2; mercoledì 14 e giovedì 15 dalle 9 alle 4; venerdì 16 dalle 9 alle 2; i successivi venerdì dalle 20 alle 2, i successivi sabati dalle 9 alle 2 (tranne sabato 31, quando circolerà dalle 14 alle 2), le successive domeniche dalle 9 alle 22.
In settembre circolerà domenica 1 dalle 9 alle 22.

FRECCIA BLU
Freccia Blu è il nuovo servizio di trasporto pubblico che il Comune di Ravenna e START Romagna hanno progettato per servire meglio il mare in modo più sostenibile e multimodale in linea con le moderne esigenze turistiche. A partire dall'8 giugno un bus collega la città a Marina di Ravenna partendo dalla stazione (ma è possibile salire sul Freccia Blu anche al parcheggio del Pala De Andrè). I Freccia blu partiranno tutti i giorni, ogni mezz’ora, con corse di ritorno fino a tarda sera per tutto il periodo estivo. La nuova linea di autobus raggiungerà il traghetto di Marina di Ravenna transitando per viale delle Nazioni e per il centro della località marittima (Marinara), effettuando anche altre fermate oltre a quelle tradizionali previste in coincidenza degli stabilimenti balneari. Le tariffe sono le stesse del trasporto pubblico. E’ prevista la possibilità di acquistare i biglietti direttamente con lo smartphone attraverso le app DropTicket, MyCicero, Muver e Roger.

Tutte le informazioni sugli orari sono comunque affisse alle fermate e saranno pubblicate sul sito di Start Romagna ( www.startromagna.it ).

Depliant con orari Freccia Blu (pdf - 6.081,27 kB)

 

Orario estivo del traghetto
Sempre da sabato 20 aprile a domenica 1 settembre sarà in vigore l’orario estivo del servizio di traghetto tra Marina di Ravenna e Porto Corsini (servizio a pagamento), dalle 5 del mattino alle 2 di notte. Ogni sabato notte dal 1° giugno al 31 agosto e le notti del 25 aprile, 5 luglio, 22 luglio, 11, 12, 13, 14, 15 e 16 agosto il servizio sarà attivo anche dalle 2 alle 5, cioè proseguirà senza interruzioni fino al giorno successivo.

SOSTA A PAGAMENTO A MARINA DI RAVENNA, PUNTA MARINA TERME E LIDO DI DANTE

Da sabato 20 aprile a domenica 1 settembre sarà in vigore anche la sosta a pagamento in viale della Pace e in viale delle Nazioni a Marina di Ravenna, in viale Colombo a Punta Marina Terme, nell’area compresa tra i viali Del Duca/Piccarda e gli stabilimenti balneari a Lido di Dante.

La sosta sarà a pagamento nelle giornate del venerdì (ad esclusione di venerdì 26 aprile e venerdì 16 agosto) e il 22 luglio dalle 20 alle 2; nelle giornate del sabato e nei giorni 21, 25 e 26 aprile; 11, 12, 13, 14, 15 e 16 agosto dalle 9 alle 2; nelle giornate della domenica (ad esclusione di domenica 21 aprile e domenica 11 agosto) e nei giorni 22 aprile e 1 maggio dalle 9 alle 22.
Le tariffe sono invariate: 50 centesimi all’ora nella fascia 9-18, con possibilità di forfait diurno per 3 euro complessivi; 1 euro all’ora dalle 18 al termine, con possibilità di forfait serale - notturno per 4 euro complessivi. I parcometri daranno la possibilità di acquistare i due forfait in una sola volta al prezzo di 7 euro.

 

MARINA DI RAVENNA: DIVIETO DI TRANSITO PER I BUS NON DI LINEA FINO AL 16 GIUGNO

Inoltre da sabato 20 aprile a domenica 16 giugno a Marina di Ravenna è vietato il transito di autobus/pullman (non di linea e non autorizzati) in viale della Pace (nel tratto compreso fra il lungomare Colombo e viale della Nazioni), viale delle Nazioni (nel tratto compreso fra viale della Pace e viale Ciro Menotti), in viale Ciro Menotti (nel tratto compreso fra viale delle Nazioni e via Trieste), in via Trieste (da viale Ciro Menotti verso nord), nella sottostrada di viale Ciro Menotti (nel tratto compreso tra il civico 81 e il civico 111), in via Maria Bartolotti, in via Marmarica e in via Fabbrica Vecchia. Per autobus/pullman autorizzati sono da intendersi quelli che sono diretti alle strutture ricettive, quelli adibiti al trasporto di gruppi di persone, limitatamente alle giornate feriali e nella fascia oraria dalle 7 alle 18 e quelli che di volta in volta sono autorizzati singolarmente dal Corpo di Polizia municipale per le sole operazioni di salita e discesa dei passeggeri.

 

SOSTA E ACCESSO REGOLAMENTATI NEGLI STRADELLI RETRODUNALI DI MARINA E PUNTA MARINA TERME

Da sabato 11 maggio a domenica 27 ottobre saranno in vigore i provvedimenti di regolamentazione della sosta e dell’accesso dei mezzi motorizzati agli stradelli retrodunali (demanio marittimo) di Marina di Ravenna e Punta Marina Terme. Da quest’anno l’ordinanza diventa unica (fino all’anno scorso ne veniva redatta una per Marina di Ravenna e una per Punta Marina Terme) e permanente, cioè sarà in vigore ogni anno dal secondo sabato di maggio all’ultima domenica di ottobre.

Nello specifico, a Marina di Ravenna l’ordinanza riguarda il tratto fra lo stradello in prossimità del bagno Waimea e fino al bagno ai Tamerici; a Punta Marina Terme il tratto fra lo stradello in prossimità del bagno Ruvido e fino al bagno Miramare e dal bagno Miramare al Chaplyn.
I provvedimenti sono stati presi per tutelare le caratteristiche ambientali delle zone interessate e l’incolumità delle persone, salvaguardando il passaggio dei pedoni e dei mezzi di servizio e di soccorso.
Prevedono che, nelle zone citate, la sosta e l’accesso dei mezzi motorizzati siano consentiti solo ed esclusivamente nelle specifiche aree, retrostanti gli stabilimenti balneari, autorizzate ai titolari delle concessioni demaniali marittime come ampliamenti stagionali destinati alla sosta dei mezzi motorizzati, che dovranno essere opportunamente segnalate e delimitate a cura dei concessionari al fine di una loro precisa individuazione, prevedendo almeno una postazione per gli utenti diversamente abili, opportunamente segnalata, delimitata con dimensioni minime di 3,20 metri di larghezza e 5 di profondità, posizionata nelle immediate vicinanze dell’accesso allo stabilimento balneare. Tale posto auto deve essere segnalato, a cura e spese del concessionario, con apposito cartello in conformità al codice della strada.
Inoltre l’accesso dei mezzi motorizzati alle aree del demanio marittimo è consentito attraverso gli stradelli retrodunali adiacenti gli stabilimenti balneari esclusivamente per raggiungere le suddette aree di sosta e per consentire il percorso che da queste conduce alla prima uscita dal demanio marittimo.
Le violazioni si configurano quali occupazioni abusive di spazio demaniale marittimo con veicoli, sanzionabili ai sensi dell’articolo 1161 comma 2 del Codice della Navigazione e successive modificazioni e integrazioni (206 euro) e ai sensi del comma 1 dell’articolo 1164 del medesimo Codice della Navigazione (200 euro) qualora si occupi senza averne diritto uno degli spazi riservati ai disabili. Sono inoltre sanzionabili i concessionari qualora non assolvano alle prescrizioni dell’ordinanza.
Trattandosi di Codice della Navigazione non è possibile applicare lo sconto del 30 per cento previsto in caso di sanzioni emesse sulla base del Codice della strada qualora si paghi entro cinque giorni dalla notifica del verbale.

 

ORDINANZA CONTRO L'ABUSO DI ALCOL E PER IL DECORO URBANO A MARINA DI RAVENNA

Nelle giornate di venerdi, sabato e domenica fino al 30 giugno, e successivamente tutti i giorni dal 1 luglio al 31 agosto, a Marina di Ravenna è in vigore la consueta ordinanza estiva che prevede il divieto di consumo di bevande alcoliche in qualsiasi contenitore e di bevande e alimenti forniti in bottiglie di vetro, lattine e contenitori vari a Marina di Ravenna nell’ambito della zona fra il parcheggio “scambiatore”, viale Delle Nazioni, gli stradelli di raccordo con gli stabilimenti balneari e nell’area retrodunale.
Sono altresì previsti divieti di vendita, somministrazione e consumo di bevande in contenitori di vetro e lattine nell’ambito dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande lungo il tratto di viale Delle Nazioni fra l’intersezione di via Ciro Menotti e la tabella di inizio centro abitato ”Marina di Ravenna” e negli stabilimenti balneari. Fanno eccezione il servizio e il consumo al tavolo negli spazi dedicati alle attività di somministrazione/ristorazione.
Le violazioni prevedono sanzioni amministrative pecuniarie che vanno dai 200 ai 250 euro.

 

IN SPIAGGIA CON IL MIO CANE! - Stagione 2019

Il Comune di Ravenna promuove il benessere, la cura e la presenza degli animali, favorendone una corretta convivenza con l'uomo, al fine di tutelare la salute pubblica e l'ambiente. A tale scopo, per rispondere alla necessità dei cittadini che si recano al mare con i propri cani, quest’anno sono sei le aree designate:

  • Casal Borsetti: tratto di spiaggia libera della lunghezza di mt. 100 circa adiacente lato Sud allo stabilimento balneare Overbeach
  • Casal Borsetti - Marina Romea: tratto di spiaggia libera della lunghezza di mt. 100 circa compreso tra i campeggi Reno e Romea (ingresso dai campeggi previa presentazione documento)
  • Lido di Classe: tratto di spiaggia libera della lunghezza di mt. 60 circa a Nord della scogliera, trasversale alla Foce del Fiume Savio
  • Lido Adriano: tratto di spiaggia libera della lunghezza di mt. 80 circa situato a nord dello stabilimento balneare Oasi
  • Lido di Savio: tratto di spiaggia libera di mt. 40,00 (fronte mare) circa a Sud della scogliera trasversale alla Foce del Fiume Savio
  • Marina di Ravenna: tratto di spiaggia libera di 80 metri adiacente al lato nord dello stabilimento balneare Ruvido

L’utilizzo di tali aree, definito dall’apposita ordinanza, è consentito dall’ alba al tramonto, fino al secondo fine settimana di settembre.

Oltre alle predette aree libere, diversi stabilimenti balneari hanno delimitato e attrezzato, all’interno dei propri impianti, aree destinate alla permanenza dei cani.
Alla correlata sottostante sono disponibili tutte le informazioni, l'ordinanza e l'elenco degli stabilimenti balneari che accettano gli animali.

 

DA LUNEDI' 15 LUGLIO IN VIGORE IL DIVIETO DI FUMO SULLA BATTIGIA E IN MARE. VIETATO ANCHE GETTARE I MOZZICONI IN SPIAGGIA

E' entrata in vigore lunedì 15 luglio l’ordinanza che prevede l’assoluto divieto di fumo sulla battigia e in mare e l’abbandono di mozziconi nelle restanti zone di spiaggia.
Il provvedimento rientra nell’accordo triennale “Il mare dice basta”, che vede Comune, Hera e Cooperativa Spiagge impegnati in una serie di azioni finalizzate a contrastare il fenomeno del marine litter (abbandono di rifiuti in spiaggia e in mare), liberare le spiagge dalla plastica, potenziare la sostenibilità ambientale dei servizi erogati a cittadini e turisti.
Nello specifico l’ordinanza comunale prevede: l’assoluto divieto di fumo nella battigia, cioè la fascia di spiaggia ampia cinque metri dalla linea di marea, e nelle zone di mare riservate alla balneazione, cioè la fascia di mare antistante la costa, per una profondità di trecento metri dalla battigia.
Nelle restanti zone della spiaggia, essendo in ogni modo vietato l’abbandono di rifiuti, è necessario munirsi di un idoneo contenitore (riutilizzabile oppure “usa e getta”) per la raccolta di mozziconi o altri rifiuti di prodotti da fumo, al fine di evitare danni all’ambiente, nonché possibili pericoli per l’incolumità e la sicurezza delle persone. Proprio nell’ambito della campagna “Il mare dice basta” la Cooperativa Spiagge sta distribuendo oltre 50mila coni portacenere di cartoncino per evitare l’abbandono di mozziconi di sigarette.
L’ordinanza sarà in vigore fino all’ultima domenica di ottobre e, dall’anno prossimo, dal sabato precedente la Pasqua all’ultima domenica di ottobre.
Le violazioni prevedono sanzioni da 60 a 300 euro.

Ordinanza divieto di fumo (pdf - 108,06 kB)

 

ORARI DI APERTURA DEGLI STABILIMENTI BALNEARI
Con le ordinanze 1919 e 1920 del 2017 è stata superata la precedente modalità che sul tema forniva una regolamentazione annuale, disciplinando la materia fino a diversa e successiva disposizione. Queste due ordinanze hanno quindi regolamentato gli orari di apertura e per gli spettacoli, demandando a specifiche ordinanze annuali la previsione delle sole serate in deroga, in modo da valutare anno per anno in relazione alla cadenza delle festività ed alle manifestazioni ed eventi programmati annualmente per la stagione di riferimento.

Le serate in deroga per la stagione 2019, nelle quali gli stabilimenti potranno restare aperti e organizzare spettacoli, trattenimenti e manifestazioni fino alle 3, sono sette: giovedì 25 aprile, sabato 1 giugno, venerdì 5 e sabato 6 luglio (Notte Rosa), lunedì 22 luglio, sabato 10 agosto e mercoledì 14 agosto.

 

ORDINANZE CONTRO LE ZANZARE E TRATTAMENTI PUBBLICI
Dal 1° maggio al 31 ottobre sono in vigore due ordinanze per il contrasto allo sviluppo di diverse specie di zanzara (dalla comune alla tigre): la prima impone ai soggetti privati - cittadini e imprese - di contribuire all’eliminazione di ogni microfocolaio possibile; i ristagni d’acqua non eliminabili vanno inoltre trattati con costanza, attraverso l’impiego dei prodotti antilarvali di sicura efficacia distribuiti gratuitamente nelle sedi comunali decentrate e in vendita nelle farmacie.
La seconda ordinanza riguarda le aree periodicamente allagate (bacini per il deposito di acqua, scavi a scopo di estrazione di sabbia e/o argilla, aziende faunistico-venatorie, coltivazioni che per essere irrigate richiedono la sommersione, maceri, valli e chiari da caccia) per le quali vige da parte dei proprietari e/o gestori, l’obbligo di effettuare periodiche verifiche dell’eventuale presenza di larve di zanzara, e successivi trattamenti con prodotti larvicidi di sicura efficacia nel caso del rinvenimento delle stesse.
Si rammenta che la prevenzione è importante soprattutto per evitare il diffondersi di malattie infettive come Chikungunya, Dengue, Zika e West Nile disease trasmissibili all’ uomo attraverso la puntura di insetti vettori.
Azimut S.p.A. nel frattempo sta svolgendo per conto del Comune i cicli di trattamento antilarvale (in tutto otto quelli previsti), nelle oltre settantaduemila caditoie pubbliche presenti nel territorio comunale. Per quanto riguarda le zanzare appartenenti alle specie Culex pipiens, Aedes caspius e detritus (le cosiddette zanzare comuni), Azimut effettua periodiche verifiche e interventi larvicidi nei focolai delle aree naturali, in base all’andamento climatico.
Si fa presente che le oltre 72000 caditoie pubbliche trattate da Azimut per conto del Comune corrispondono solo al 20-30 per cento dei siti a rischio di infestazione. Il rimanente 70-80 per cento delle zone a rischio è di proprietà privata; pertanto si evidenzia come sia necessario che i cittadini mettano in atto in maniera rigorosa e costante le misure di prevenzione e di trattamento delle aree di loro competenza, come previsto dall’ ordinanza.

Alle correlate sottostanti trovate tutte le informazioni relative alla lotta alle zanzare.