Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
Procedimenti di:
Zone naturali
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Aree Tematiche ›› Ambiente, Territorio e Mobilità ›› Servizio tutela ambiente e territorio ›› Zone naturali ›› Percorsi naturalistici

Percorsi naturalistici

veduta aerea di una casa pinetale

Le zone naturali del Comune racchiudono un imponente patrimonio verde, costituito dal complesso delle Valli meridionali di Comacchio, Foce Reno, Pineta San Vitale, Pialassa Baiona, Punte Alberete e Valle della Canna a nord della città, e dal complesso della Pineta di Classe, Ortazzo e Ortazzino, Foce Bevano a sud. Nell'insieme, più di 8.400 ettari. Tutte queste aree, di grande valore ambientale, fanno parte del Parco del Delta del Po.
Al loro interno si snodano itinerari segnalati, da percorrere a piedi, in bicicletta o a cavallo, attraverso i quali è possibile addentrarsi e godere di uno splendido ambiente naturale. Un'occasione unica per stare all'aria aperta lontano dal traffico e dai rumori molesti.

 

 

 

 

PINETA SAN VITALE, PUNTE ALBERETE, VALLE DELLA CANNA

Il principale percorso ciclo-pedonale, sulla direttrice sud-nord, collega Ravenna con le zone naturali a nord della città. Il percorso sarà completato con la realizzazione di un ponte in legno per l'attraversamento del fiume Lamone, in alternativa al trafficato ponte stradale della S.S. Romea. A questo asse principale si raccordano i percorsi che vengono dai lidi, lungo il fiume Lamone, o da Sant'Alberto e Mandriole, lungo il canale Destra Reno.
Dal percorso principale partono poi alcuni tracciati più brevi, in genere ad anello, che si possono percorrere a piedi, in bicicletta o a cavallo.

I percorsi attualmente esistenti:

 

  • Palazzone di Sant'Alberto: Centro Visite del Parco del Delta del Po e Museo Ornitologico Via Rivaletto 25 . tel 0544.528710
  • Casa Quattrocchi: Centro Informazioni - via delle Valli
  • Casa Quattrocchi: Torre di osservazione Valle della Canna
  • Casa Quattrocchi: Pineta
  • Cà Vecchia, anello con deviazione Fossatone
  • Cà Nova, anello
  • Casa Quattrocchi - Punte Alberete
  • Punte Alberete, anello
  • Palazzone di Sant'Alberto - Valli di Comacchio, anello
  • Percorso pinetale

 

PINETA DI CLASSE

Nella Pineta di Classe, con la casa di guardia e l'attiguo Parco 1° Maggio, sono presenti tre percorsi segnalati.

  1. Le querce di Dante.
    L'itinerario, pedonale e ciclabile, è un anello lungo circa 3.800 m che parte dal Parco 1° Maggio e, raggiunto il Ponte Botole, si inoltra nel cuore della pineta. Lungo il percorso si incontrano grandi esemplari di pino domestico, zone asciutte ricche di lecci e zone più umide in cui prevale la quercia.
    Dante si ispirò forse proprio alle querce della Pineta di Classe descrivendo "la divina foresta spessa e viva".
  2. Dune e pineta.
    Il percorso, lungo 32 km, collega Lido di Dante a Lido di Savio passando attraverso la pineta demaniale costiera, la Pineta di Classe e costeggiando a tratti l'Ortazzino e l'Ortazzo. Per la lunghezza, il percorso è dedicato alle biciclette e, pur risultando piuttosto impegnativo, è di grande suggestione: attraversa infatti zone costiere con dune ancora in buone condizioni e splendide aree di interesse naturalistico e paesaggis
  3. Percorso equestre.
    Il percorso equestre, lungo circa 6.500 m, è accessibile dal parcheggio situato in Via Sila e riservato alle passeggiate a cavallo. Attraversa sentieri secondari della pineta portando in zone assai suggestive, poco frequentate e dalla fitta vegetazione naturale.