Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Aree Tematiche ›› Bandi, concorsi ed espropri ›› Bandi Vari ›› Avviso pubblico per la ricognizione dei danni subiti in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito il territorio del comune di Ravenna nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2017

Avviso pubblico per la ricognizione dei danni subiti in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito il territorio del comune di Ravenna nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2017

Scadenza presentazione schede: 31 maggio 2018

Ricognizione dei danni subiti dal patrimonio edilizio privato, dai beni mobili e beni mobili registrati, dalle attività economiche e produttive, dalle aziende agricole e agroindustriali

Si informano tutti i cittadini che entro e non oltre il 31 maggio 2018 è possibile presentare segnalazione dei danni subiti a seguito delle eccezionalità atmosferiche che hanno colpito il territorio del comune di Ravenna nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2017.
La ricognizione deve essere eseguita tramite la compilazione da parte dei soggetti interessati (proprietari dell’immobile o eventualmente conduttore o beneficiario rispettivamente, titolari delle attività economiche/produttive interessate, Amministratore di condominio per le parti comuni) delle schede B, e C
I soggetti interessati a segnalare i danni subiti, sono invitati a compilare, a seconda della tipologia di danno, le schede sotto riportate, conformi a quanto previsto nell’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile (OCDPC) n. 511/2018:

  • Scheda B - Ricognizione del fabbisogno per il ripristino del patrimonio edilizio privato, dei beni mobili e dei beni mobili registrati
  • Scheda C - Ricognizione dei danni subiti dalle attività economiche e produttive (attività economiche e produttive, agricoltura)

Le schede, debitamente compilate e sottoscritte, corredate da fotocopia di un documento di identità valido del dichiarante, devono essere:

  • spedite all’indirizzo mail istituzionale: ambiente.comune.ravenna@legalmail.it

oppure

  • consegnate a mano allo Sportello Unico Polifunzionale, Viale E. Berlinguer. n. 68, Ravenna (dal lunedì al venerdì 8.00-13.00, sabato 8.30-12.30, martedì e giovedì 14.30-16.30)

Si precisa che i cittadini e le imprese che hanno già presentato documenti per la prima ricognizione speditiva, dovranno comunque ripresentare una nuova ricognizione utilizzando il modello conforme.

Si specifica che ai sensi dell’OCDPC n. 511/2018 la ricognizione dei danni non costituisce riconoscimento automatico dei finanziamenti, e che la segnalazione e’ prodotta esclusivamente ai fini della ricognizione prevista dalla vigente normativa.
Per quanto riguarda gli immobili privati e le attività produttive si fa presente che sarà effettuato un controllo, circa il nesso di causalità tra i danni e l’evento calamitoso, ed anche la realizzazione delle unità immobiliari danneggiate ad uso abitativo e produttivo in difformità o in assenza delle autorizzazioni o concessioni di legge.

Per le schede B, saranno i proprietari degli immobili interessati a compilare la scheda per la quantificazione del fabbisogno necessario per gli interventi di ripristino degli edifici privati, in caso di immobili locati o detenuti ad altro titolo, in prima istanza si potrà accettare anche la segnalazione effettuata dal conduttore o beneficiario.
In caso di condomini le singole segnalazioni, unitamente a quella eventuale relativa alle parti comuni, sono raccolte dall’Amministratore condominiale ed inviate da questi al Comune in un unico fascicolo, corredato da una nota di sintesi sul numero delle unità immobiliari destinate ad abitazione principale e sul fabbisogno necessario per l’intervento di ripristino, ivi compreso quello relativo agli interventi sugli elementi strutturali e sulle parti comuni dell’edificio.

In analogia con le precedenti ricognizioni, sebbene non prevista dall’Ordinanza n.511/2018, la ricognizione si estende anche ai beni mobili e mobili registrati privati e alle attività agricole.
Per le schede C, saranno i titolari delle attività economiche e produttive interessate a compilare la scheda per la quantificazione del fabbisogno, in caso attività esercitate in immobili locati o detenuti ad altro titolo, in prima istanza si potrà accettare anche la segnalazione effettuata dal conduttore o detentore ad altro titolo.

In caso di attività economiche/produttive ubicate in condomini le singole segnalazioni sono raccolte dall’Amministratore condominiale ed inviate da questi al Comune in un unico fascicolo. Alla nota di trasmissione l’Amministratore del Condominio allega analoga segnalazione per la parte comune condominiale.
Relativamente alla compilazione della scheda C per le attività agricole, essa dovrà essere effettuata basandosi su una valutazione sommaria dei fabbisogni necessari a consentire il ripristino delle attività agricole e agroindustriali. Per la valutazione del fabbisogno si possono utilizzare elementi oggettivi come ad esempio: fatture, scontrini fiscali, preventivi di spesa, indagini di mercato, valutazioni economiche in base ai prezzari della Regione Emilia Romagna o della Camera di Commercio di Ferrara, Ravenna e Forlì-Cesena e al Bollettino ISMEA. Le stime riguardanti i danni alle produzioni arboree e alle colture annuali (da inserire nella voce ALTRO della tabella “6A” della scheda “C”) non essendo sempre correttamente quantificabili, non sottostanno al vincolo, previsto nella scheda di ricognizione dei danni subiti, 4 che non consente di presentare una perizia asseverata di importo superiore a quello indicato nella scheda stessa.

Per eventuali informazioni, rivolgersi al Servizio Tutela Ambiente e territorio del Comune di Ravenna, Ufficio Protezione Civile, dal lunedì al venerdì 9.00-13.00, ai seguenti numeri:
Ing. Federica Pirazzini - tel. 0544/482088
Dott. Angela Tassinari - tel. 0544/482475