Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Aree Tematiche ›› Comunicazione pubblica e informazione ›› Ufficio Stampa e Comunicazione ›› Comunicati ›› Comunicati dell'ufficio stampa ›› 2014 ›› “Ravenna Digitale”: nasce il portale degli open data del Comune, bandito un concorso per la loro valorizzazione

“Ravenna Digitale”: nasce il portale degli open data del Comune, bandito un concorso per la loro valorizzazione

Il Comune di Ravenna, nell’ambito del progetto “Agenda digitale”, ha aperto il portale dell’open data opendata.comune.ra.it (contenente dati pubblici diffusi dal Comune attraverso il portale stesso) e lanciato un contest (concorso) con l’obiettivo di promuovere il riutilizzo dei dataset liberati. Il portale dell’open data è raggiungibile anche dal sito istituzionale del Comune www.comune.ra.it . Tutti i dettagli del concorso sono invece consultabili sul sito ufficiale della competizione, www.ra4open.it , attraverso il quale ci si deve anche iscrivere, entro il 20 marzo.

Il portale e il concorso, messi a punto in collaborazione con l’Università di Bologna (Cirsfid – Centro interdipartimentale di ricerca in storia del diritto, filosofia e sociologia del diritto e informatica giuridica), sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa in municipio: “Mettiamo a disposizione della collettività e delle imprese – ha spiegato l’assessore con delega a Ravenna digitale Massimo Cameliani – dati in formato aperto, che possono essere strumenti di conoscenza e anche di sviluppo di opportunità economiche; un patrimonio informativo per ora costituito da venti data set, ma destinato ad aumentare. Quello che invece chiediamo attraverso il concorso è di rendere tale patrimonio maggiormente fruibile, dal momento che per loro natura gli open data vengono forniti attraverso linguaggi tecnici di non sempre agevole comprensione. Con questo percorso non solo seguiamo la legislazione nazionale, ma ci apriamo alla collettività in maniera propositiva e trasparente”. Alla conferenza stampa sono inoltre intervenute Morena Brandi e Paola Palmieri, dirigente e funzionario dell’unità organizzativa Sistemi informativi, territoriali e informatici.

Il contest vuole incentivare la partecipazione della cittadinanza alla creazione di soluzioni per una città attiva, dinamica, in continuo sviluppo culturale ed economico, attenta alla qualità della vita delle persone e delle istituzioni.

Si chiede lo sviluppo di soluzioni innovative basate sull’utilizzo dei dati pubblici diffusi attraverso il portale, capaci di valorizzare il territorio, la cultura e il turismo, che sono gli assi portanti della vocazione ravennate.

I progetti inviati saranno valutati da una giuria di esperti e i migliori potranno essere presentati nel corso dell’evento di premiazione in occasione dello “Spaghetti Open Data 2014” (in programma a Bologna dal 28 al 30 marzo).

Sono previsti premi in denaro, per un ammontare complessivo lordo di tremila euro, per il primo, secondo e terzo classificato. La giuria si riserva in casi di eccezionale valore di assegnare anche altri premi.

Il concorso è aperto a tutti i cittadini (anche minorenni purché abbiano il permesso dei genitori) alle pubbliche amministrazioni, alle scuole, Università e alle imprese dell’Unione europea.

Le proposte dovranno appartenere a una delle seguenti categorie:

- Enrich: arricchimento dei dataset originari con dati o metadati a valore aggiunto. Anche la correzione dei dataset fornisce uno scenario legittimo per il contest;
- Visual: valorizzazione dei dataset mediante la visualizzazione grafica statica o dinamica per favorire la comprensione dell’open data da parte dei cittadini;
- Apps: utilizzo dei dataset per sviluppare applicazioni per la città di Ravenna, con particolare riguardo ai temi territorio, cultura e turismo.

Si valuterà la pertinenza rispetto ai temi proposti, l’usabilità concreta dell’applicazione nella vita della città, l’originalità della soluzione proposta, la validità tecnologica della soluzione proposta, la semplicità della soluzione. Gli applicativi sviluppati devono essere accompagnati da licenza CC-by o open source.

Per eventuali domande o richieste di informazioni sulle regole di partecipazione contattare Barbara Bellini dell’Unità Organizzativa Sistemi Informativi, Territoriali ed Informatici tel. 0544482094 o inviare una mail a opendata@comune.ra.it