Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Aree Tematiche ›› Welfare, Servizi sociali, casa e Innovazione sociale ›› Welfare ›› Pianificazione dei servizi ›› Politiche sociali e Pianificazione socio sanitaria ›› Servizio sociale associato dei comuni di Ravenna, Cervia e Russi - U.O. Coordinamento pianificazione e monitoraggio

Servizio sociale associato dei comuni di Ravenna, Cervia e Russi - U.O. Coordinamento pianificazione e monitoraggio

Orario:

La sede dell'Ufficio di Piano è presso il Comune di Ravenna - Via Massimo D'Azeglio, 2 - 48121 Ravenna - 2° piano

Coordinamento Tecnico: Dott.ssa Roberta Serri
tel. 0544 482238 e mail: rserri@comune.ra.it


Attività:

La Pianificazione sociale e sanitaria è identificabile come quel complesso di attività di pianificazione strategica e programmazione delle istituzioni locali (Comuni, Azienda Usl, ecc.) che devono essere gestite attraverso modalità partecipate e condivise.
L'integrazione fra servizi sociali e sanitari rappresenta ormai una necessità imprescindibile per organizzare risposte ed interventi fondati sul riconoscimento delle persone nella loro globalità ed in rapporto ai loro contesti di vita.

L'integrazione rappresenta un fattore fondamentale per la qualificazione dell'offerta dei servizi e delle prestazioni socio sanitarie; essa genera maggiore efficacia di cura e sostegno, un uso più efficiente delle risorse, migliora il rapporto fra i cittadini ed i servizi.

L'integrazione Socio Sanitaria ha come obiettivo fondamentale quello di:

“...organizzare risposte ed interventi fondati sul riconoscimento delle persone nella loro globalità ed in rapporto ai loro contesti di vita.....” passando “....ad un sistema di offerta dei servizi caratterizzato dall'accompagnamento e dalla presa in carico della persona in continuità” - (Piano Sociale e Sanitario 2009-2011).

Negli ultimi anni si è passati da un sistema di governo dei servizi socio sanitari che vedeva le persone come pazienti dei servizi ad un sistema che concepisce le persone come attori sociali protagonisti della propria salute, del proprio e dell'altrui benessere (responsabilizzazione sociale); la sfida pertanto non è solo quella di garantire servizi sociali e sanitari di alta qualità ed efficienza ma anche promuovere la salute ed il benessere delle persone e della comunità (prevenzione e sensibilizzazione)

La Regione Emilia Romagna infatti assume come finalità del sistema socio sanitario la promozione della salute e del benessere intesa come una serie di interventi sui fattori sanitari, ambientali, sociali ed economici che determinano lo stato di benessere degli individui e della collettività; per attuare ciò, è necessario mettere in campo azioni ed interventi per favorire l'integrazione organizzativa e professionale di tutti gli enti ed i soggetti coinvolti nel processo di erogazione dei servizi.

Questi i principi definiti dalla Regione che hanno consentito di ridisegnare i nuovi assetti del sistema di welfare locale:

  • centralità degli Enti locali nella programmazione, regolazione e realizzazione dei servizi sociali, sanitari e socio sanitari, pensati e gestite “in rete”
  • separazione delle funzioni pubbliche di governo (programmazione, regolazione, verifica) da quella di mera erogazione di servizi e prestazioni
  • individuazione della zona distrettuale quale ambito territoriale ottimale per l'esercizio associato della funzione di governo, di committenza e per l'organizzazione delle funzioni amministrative collegate.