Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 

L'Ufficio di Piano

Gli Uffici di Piano sono nati a livello di zona sociale per la predisposizione, l'elaborazione e la gestione degli strumenti tecnici di pianificazione sociale (Piani di zona triennali e Programmi attuativi annuali) in riferimento alla Delibera di Assemblea Regionale 514/2003.

Atti successivi hanno affidato agli Uffici di piano funzioni più specifiche e strategiche, quali quelle relative alla programmazione ed alla gestione dei processi di integrazione socio sanitaria e, aspetto di non poca rilevanza, hanno stanziato apposite risorse per il loro funzionamento.

La nuova Delibera di Giunta Regionale 1004/2007 ridefinisce e puntualizza le funzioni del nuovo Ufficio di Piano come supporto tecnico al Comitato di Distretto, al quale affida tutte le funzioni riconducibili al presidio dell'integrazione socio sanitaria quali:

  • la pianificazione e la programmazione in area socio sanitaria (Piano di zona distrettuale per la salute ed il benessere sociale, i Programmi attuativi annuali, i Piani delle attività per la non autosufficienza)
  • le attività connesse alla costituzione della nuova ASP
  • il presidio e la promozione di progetti sociali e sociosanitari integrati anche con altre politiche (es. funzioni di raccordo per minori e fasce deboli, disabili ecc. quali la figura di sistema)
  • il monitoraggio dell'andamento del benessere sociale in riferimento alle diverse determinanti ed in base ai sistema di indicatori inserito nella programmazione annuale

Con ulteriore atto (Delibera di Giunta Regionale 509/2007) si attribuiscone al nuovo Ufficio di Piano il presidio di tutte le attività di pianificazione e monitoraggio del Fondo Regionale per la Non Autosufficienza, quali:

  • l'elaborazione della programmazione distrettuale (Piani per la non autosufficienza), il suo monitoraggio e la verifica dei risultati raggiunti
  • il monitoraggio e la verifica dell'equilibrio del Fondo per la non autosufficienza
  • monitoraggio dei regolamenti distrettuali sull'accesso e sulla compartecipazione degli utenti alla spesa in una logica di omogeneizzazione degli stessi

Tali riferimenti normativi hanno arricchito ed ampliato il ruolo e le funzioni dell'Ufficio di Piano che, rispettando le linee guida dettate dalla Regione, risulta così composto:

 

 

 

Direttore Generale del Comune di Ravenna (Comune Capofila)
Dirigente Settore Cultura, Turismo e Servizi alla Persona - Comune di Cervia
  Dirigente Capo Settore Servizi alla Cittadinanza - Comune di Russi
Coordinamento Tecnico:

 

Responsabile U.O. Pianificazione Socio Sanitaria e Rapporti con ASP -

Comune di Ravenna

 

Il nuovo Ufficio di Piano si avvale inoltre di una struttura tecnico-operativa che assicura le seguenti funzioni:

  • Funzione di coordinamento operativo - (Comune di Ravenna)
  • Funzione di Operatore di Sistema - (Comune di Ravenna)
  • Funzione amministrativo-contabile - (Comune di Ravenna)
  • Funzioni di coordinamento sociale - (Consorzio per i Servizi Sociali)

A tale nucleo "stabile" si integrano:

  • Referenti di settore AUSL Ravenna di volta in volta incaricati in relazione alle specifiche esigenze operative
  • Referenti ASP Ravenna Cervia Russi
  • Responsabili dei tavoli di lavoro organizzati sulla base delle aree tematiche individuate dalla Regione e messi a disposizione da tutti gli Enti partecipanti

Pur lavorando in un ottica di integrazione e di confronto continuo, tutti gli operatori ed i referenti individuati mantengono la dipendenza dal proprio Ente di appartenenza.

Il funzionamento del Nuovo Ufficio di Piano ed i rapporti fra i diversi soggetti coinvolti sono regolati da una Apposita Convenzione, sottoscritta fra il Comune di Ravenna (Comune capofila della zona sociale di Ravenna, Cervia e Russi) e l'Azienda Usl.

Lo strumento della Convenzione, su indicazione della Regione Emilia Romagna, risponde ai seguenti principi fondamentali:

  • garantire, in una logica di razionalizzazione ed ottimizzazione delle risorse, l'integrazione delle competenze di tutti i soggetti coinvolti nel processo di erogazione dei servizi, dalla pianificazione alla valutazione dell'efficacia degli stessi;
  • offrire risposta sempre più adeguata ai bisogni, alle esigenze e alle necessità di benessere dei cittadini a sostanziale riconoscimento dei diritti di cittadinanza anche attraverso percorsi di valorizzazione delle rappresentanze delle realtà organizzate dell'utenza
  • assicurare la progettazione e la realizzazione di un modello di servizi a rete in cui sono coinvolti non solo i Comuni della Zona sociale e l'A.USL, ma anche i soggetti del Terzo Settore operanti nell'ambito del Volontariato, dell'Associazionismo, della Cooperazione Sociale, ecc. così come previsto dalla Legge Regionale 2/2003;

Nella Convenzione vengono stabiliti anche compiti, responsabilità e funzioni di tutti i soggetti coinvolti nei diversi processi (Ufficio di Piano, Comune Capofila, altri comuni della zona sociale, Ausl, Comitato di Distretto e Direttore di Distretto, ecc.) al fine di assicurare:

  • la costituzione, l'organizzazione ed il funzionamento del Nuovo Ufficio di Piano
  • le modalità di gestione amministrativa e contabile del Fondo Distrettuale per la Non Autosufficienza (FRNA)

I punti fondamentali che caratterizzano i Nuovi Uffici di piano sono i seguenti:

1. Composizione:
si è cercato di inserire tutte le funzioni e le competenze che possono garantire a livello di zona sociale (Comuni di Ravenna, Cervia e Russi) una maggiore integrazione dei servizi sociali e sanitari con un forte coinvolgimento del territorio e del terzo settore

2. Attività e funzioni:
le nuove funzioni attengono all'area della pianificazione e delle programmazione (governo)
l'intento della Regione è quello di separare le funzioni di governo da quelle di produzione dei servizi

3. Costi di funzionamento
Si precisa che l'Ufficio di Piano ha sede nei locali del Comune di Ravenna, U.O. Pianificazione socio Sanitaria e rapporti con ASP, via M. D'Azeglio n. 2 - 2° piano, nei quali si svolgono gli incontri collegiali e che i componenti continueranno a svolgere le proprie attività nell'attuale sede di lavoro, utilizzando la dotazione strumentale attualmente in uso e dedicando all'Ufficio di Piano una percentuale oraria del proprio tempo-lavoro. I contributi regionali saranno erogati al Comune Capofila in relazione agli oneri che esso assume in termini di tempo dedicato, personale, sede, elaborazione dei materiali, ecc.

4. Relazioni
Si è ritenuto opportuno disciplinare le relazioni ed i relativi rapporti di tutti i soggetti coinvolti, per garantire il coinvolgimento dei diversi soggetti attori dell'integrazione, l'interscambio ed il passaggio delle informazioni, delle strategie, dei progetti in corso, la trasparenza e la fluidità dei flussi informativi.

5. Fondo Regionale per la non Autosufficienza

l'Ufficio di Piano, in quanto supporto tecnico al Comitato di Distretto, esplica le seguenti funzioni:

  • elaborazione della programmazione distrettuale (Piani per la non autosufficienza), il suo monitoraggio e la verifica dei risultati raggiunti
  • monitoraggio e la verifica dell'equilibrio del Fondo per la non autosufficienza
  • monitoraggio dei regolamenti distrettuali sull'accesso e sulla compartecipazione degli utenti alla spesa in una logica di omogeneizzazione degli stessi

Non si occupa invece della gestione amministrativo contabile del Fondo, in capo alla A.USL, quale soggetto cui la Regione trasferisce le risorse che verranno utilizzate per "linee di servizio", ossia per tipologia di servizio erogato.

Il Nuovo Ufficio di Piano inoltre deve garantire ampio spazio al confronto con le Organizzazioni sindacali con il mondo del Terzo settore, nell'ottica di riconoscere, valorizzare e coinvolgere tutte le espressioni di organizzazione della società civile, in particolare quelle del volontariato, dell'associazionismo e della cooperazione sociale che saranno coinvolti in gruppi di lavoro specifici propedeutici alla predisposizione dei Piani di zona triennali e, laddove se ne ravveda l'esigenza, nella fase delle singole attività.

La sede dell'Ufficio di Piano è presso il Comune di Ravenna - Via Massimo D'Azeglio n. 2 - 48121 Ravenna - 2° piano
Dirigente: Dott. Carlo Boattini
Coordinamento tecnico : U.O. Pianificazione socio sanitaria e Rapporti con ASP: Dott.ssa Roberta Serri
tel. 0544 482238
fax 0544 546016e mail: rserri@comune.ra.it