Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Notizie di copertina ›› Giorno del Ricordo, martedì 9 febbraio la proiezione del documentario: L’ultima spiaggia - Pola fra la strage di Vergarolla e l’esodo

Giorno del Ricordo, martedì 9 febbraio la proiezione del documentario: L’ultima spiaggia - Pola fra la strage di Vergarolla e l’esodo

In occasione del Giorno del Ricordo, con il quale il 10 febbraio si commemorano le vittime dei massacri delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata, è in programma per domani, martedì 9 febbraio, alle 17 alla sala Nullo Baldini di via Guaccimanni 2 la proiezione a ingresso gratuito del documentario “L’ultima spiaggia – Pola fra la strage di Vergarolla e l’esodo”.
Il filmato, che uscirà in contemporanea in tutta Italia proprio il 9 febbraio, è diretto dal regista forlivese Alessandro Quadretti con Domenico Guzzo, cosceneggiatore, storico esperto di terrorismo, e prodotto da Officinemedia in collaborazione con Libero Comune di Pola in esilio e con il sostegno di Simone Cristicchi – Circolo di cultura istrio-veneta “Istria”. Si tratta della prima proiezione in Romagna.
Dopo un saluto introduttivo del sindaco Fabrizio Matteucci, dell’assessore alla Cultura della Provincia Paolo Valenti e del direttore dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in Ravenna e provincia Giuseppe Masetti, l’opera sarà presentata da Domenico Guzzo (Università di Grenoble), cosceneggiatore.
L’appuntamento è promosso dagli istituti storici di Ravenna e Forlì – Cesena con il patrocinio del Comune e della Provincia.

SINOSSI
Quadretti affronta una vicenda che fa parte del suo vissuto familiare, con il padre esule polesano e il nonno paterno inserito nelle liste dei probabili infoibati. Ecco allora che il regista può scavare con delicata lucidità nei ricordi dei pochi sopravvissuti. Il 18 agosto 1946, a guerra finita, sulla spiaggia di Vergarolla a Pola l'esplosione di diversi ordigni bellici provocò la morte di oltre ottanta italiani, tra i quali molti bambini, riuniti per assistere alle tradizionali gare natatorie organizzate dalla Società sportiva Pietas Julia.