Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Notizie di copertina ›› Provvedimenti antismog in vigore: chi può circolare e chi no. Dal 9 ottobre possono tornare a circolare i diesel euro 4

Provvedimenti antismog in vigore: chi può circolare e chi no. Dal 9 ottobre possono tornare a circolare i diesel euro 4

In attesa che la Regione aggiorni il Pair 2020 sulla base di quanto emerso dall’incontro tra il presidente Stefano Bonaccini e i sindaci dell’Emilia Romagna, il sindaco Michele de Pascale ha firmato oggi un’ordinanza (allegata) che rettifica quella entrata in vigore l’1 ottobre, eliminando già da oggi il divieto di circolazione per i diesel euro 4 (restano invariate le altre misure per migliorare la qualità dell’aria, con il blocco alla circolazione degli autoveicoli diesel fino all’euro 3, benzina fino all’euro 1 e i ciclomotori pre-euro; i divieti si applicano in via ordinaria dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, e nelle domeniche ecologiche).
Poiché però l’aggiornamento del Pair 2020 conterrà anche, come annunciato ieri, misure diverse nel caso di sforamenti dei limiti massimi di legge per quanto riguarda la concentrazione di polveri sottili nell’aria, e prevederà un rafforzamento delle domeniche ecologiche, una volta che queste ed altre azioni saranno declinate dalla Regione nei dettagli tecnici, il Comune di Ravenna le recepirà in una successiva ordinanza, che andrà a sostituirsi completamente a quella entrata in vigore l’1 ottobre.

 

PER ORA LE LIMITAZIONI SONO LE SEGUENTI

All’interno del centro abitato (area delimitata da apposita segnaletica, mappa allegata) dal lunedì al venerdì (eccetto festività) dalle 8.30 alle 18.30 e in occasione delle “domeniche ecologiche” il divieto di transito per i veicoli:

  • a benzina precedenti l’Euro 2;
  • diesel precedenti l’Euro 4
  • ciclomotori e motocicli precedenti l’Euro 1

(per verificare la corrispondenza del proprio veicolo con le definizioni di Euro http://bit.ly/2cK2yQv ).

Potranno invece circolare liberamente i veicoli:

  • alimentati a gas metano o gpl;
  • con almeno 3 persone a bordo (car pooling) se omologati a 4 o più posti e con 2 persone se omologati a 2 posti;
  • elettrici e ibridi;
  • ciclomotori e motocicli elettrici;
  • per trasporti specifici e per uso speciale, attrezzati per lavorazioni particolari, così come definiti dall’articolo 54 del codice della strada (elenco dettagliato nell’ordinanza allegata);
  • sono poi previste ulteriori deroghe tra le quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, quelle per i mezzi guidati da turnisti e operatori in servizio di reperibilità; per i veicoli a servizio di persone invalide provvisti di contrassegno H; per i veicoli adibiti al trasporto di prodotti deperibili (ad esempio “camion frigo”); per i donatori di sangue; per chi accompagna a scuola o va a prendere alunni dai nidi alle medie inferiori; per chi ha Isee inferiore a 14mila euro; per chi soggiorna in strutture di tipo alberghiero, per arrivare/partire dalla struttura; per i mezzi al servizio di manifestazioni regolarmente autorizzate e guidati da operatori economici che accedono o escono dai posteggi dei mercati o delle fiere autorizzate dal Comune (elenco completo delle deroghe, indicazione delle documentazioni/certificazioni che bisogna avere con sé e condizioni alle quali le deroghe possono essere esercitate sono contenuti nell’ordinanza allegata).

Inoltre

dall’1 ottobre al 31 marzo nelle unità immobiliari dotate di riscaldamento multi combustibile sia vietato utilizzare biomasse (legna, pellet, cippato, altro):

  • negli impianti di categoria inferiore alle 2 stelle (come definita dal DM Ambiente n. 186 del 7 novembre 2017);
  • nei focolari aperti o che possono funzionare aperti.

Nei generatori di calore funzionanti a pellet per i quali non vige il divieto di cui sopra (cioè certificati almeno 2 stelle), è fatto comunque obbligo di utilizzare pellet che sia stato certificato, da un Organismo di certificazione accreditato, conforme alla Classe A1 della norma UNI EN ISO 17855-2 2014 (pellet di qualità elevata che garantisce maggiori rendimenti di combustione, pertanto minori emissioni inquinanti).

Per ulteriori informazioni sul Piano aria integrato regionale (Pair 2020) e sulla campagna “Liberiamo l’aria”: www.liberiamolaria.it