1 settembre - 13 ottobre 2021

Trilogia d’Autunno 2021. La Danza, la Parola e il Canto

Teatro, opera e danza

Informazioni

Luoghi
  • Mariani, 2 - Ravenna
  • Piazza S. Francesco, 3 - Ravenna

A settembre torna l’ormai consueto appuntamento con la TRILOGIA D’AUTUNNO del Ravenna Festival.

Per l’anno delle celebrazioni dedicato al 700° centenario della morte di Dante Alighieri, la Trilogia non poteva non rendere omaggio al Sommo Poeta, sposando la formula del “trittico” con i linguaggi artistici della danza, della parola poetica e del dispiegarsi del canto.

Tre opere diverse si susseguiranno a ritmi serrati per questa Trilogia, sul palco del teatro Dante Alighieri, per ripercorre le orme di Dante, in un viaggio dall’Inferno al Paradiso, alla ricerca di senso e di amore, fino a raggiungere il Divino e con esso la gloria poetica.

Ad aprire l’ormai consolidato trittico è Dante Metànoiadi e con Sergei Polunin (01-05 settembre). Sarà poi la volta di Faust Rapsodia (01-03 ottobre), con scene tratte dalla tragedia di Johann Wolfgang Goethe (Faust I und II), sulle note di Schumann. Sarà infine la voce di Elio Germano a chiudere idealmente la Trilogia e con essa le celebrazioni, ritornando sul Paradiso XXXIII (11-13 ottobre).

 

Dante Metànoia

«Poca favilla gran fiamma seconda» (Paradiso I, 34)

Di e con Sergei Polunin

Teatro Dante Alighieri
Date: dal 1° al 5 settembre
Orario: 21.00

Inferno

Coreografia Ross Freddie Ray
Musiche Miroslav Bako
Video design-mapping Yan Yanko
Voce di Dante Vincenzo Spirito

Purgatorio

Coreografia Sergei Polunin
Musiche Gregory Revert
Video design-mapping Marcella Grimaux, Aaron Kaufman, Daniel Faubert – Noisy Head Studio
Stage design Noisy Head Studio and The Fury

Paradiso

Coreografia Jiří Bubeníček
Musiche Kirill Richter
Set design Otto Bubeníček

Pianoforte Kemal Gekic, Kirill Richter
Voce Andjela Ninkovic
Lighting design Konstantin Binkin
Direttore tecnico Steve Mauri
Assistente ai costumi Tatjana Strugar
Video operation director Francis Corbeil
Concept/libretto Zrnka Miskovic

Una personale lettura della Divina Commedia, sulle orme di Dante: Polunin e il Sommo Poeta, due ribelli apolidi, cercano dentro se stessi il significato profondo della vita attraverso l’arte. Nella filosofia junghiana Metànoia è l’autoguarigione dell’anima, un percorso di crescita attraverso le insidie per raggiungere l’equilibrio. Come Dante, Polunin esplora e mette in scena la storia del suo viaggio per raggiungere la luce e la salvezza. Questa sfida tripartita, scandita da tre diversi musicisti, è il percorso del ballerino russo che attraversa Inferno, Paradiso e Purgatorio.

 

FAUST RAPSODIA

Prima assoluta

Teatro Alighieri / Basilica di San Francesco
Date: dal 01 al 03 ottobre 2021

Quanto in femmina foco d’amor

Mistero per voci e pellegrine

Basilica di San Francesco
Orario: 19.30

Di Francesca Masi
Da un’idea di Cristina Mazzavillani Muti
Mise en espace a cura di Luca Micheletti

Sofia Barilli, Gabriella Casali, Martina Cicognani, Francesca De Lorenzi, Veronica Franzosi, Valentina Mandruzzato, Giorgia Massaro, Chiara Nicastro, Maria Luisa Zaltron
E con Vittoria Giacobazzi, Antonella Gnanarelli, Vittoria Magnanello

Faust rapsodia

Dal ciel sino all’inferno

Teatro Dante Alighieri
Orario: 21.00

Scene dalla tragedia di Johann Wolfgang Goethe (Faust I und II)
Musica di Robert Schumann

Szenen aus Goethes Faust, selezione dall’opera
Traduzione italiana di
Andrea Maffei (1869) scene recitate
Vittorio Radicati (1896) scene cantate

Elaborazione drammaturgica e regia Luca Micheletti
Maestro concertatore e direttore Antonio Greco

Scene Ezio Antonelli
Light designer Fabrizio Ballini
Costumi Anna Biagiotti

Edoardo Siravo attore; Vito Priante baritono
Margherita
: Elisa Balbo soprano
Mefistofele
:Roberto Latini attore. Riccardo Zanellato basso

Con Michele Arcidiacono, Sofia Barilli, Erica Cortese, Martina Cicognani, Francesca De Lorenzi, Mariapaola Di Carlo, Francesco Errico, Veronica Franzosi, Matteo Ippolito, Franco Magnone, Ciro Masella, Valentina Mandruzzato, Giorgia Massaro, Luca Massaroli, Ivan Merlo, Jacopo Monaldi Pagliari, Giuseppe Palasciano, Danilo Rubert, Angelo Sugamosto, Lorenzo Tassiello, Yulia Tkachenko, Andrea Triaca, Maria Luisa Zaltron

Orchestra Giovanile Luigi Cherubini
Coro Luigi Cherubini

In collaborazione con il Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini” di Ancona
Nuova produzione di Ravenna Festival

Si può vedere del Dante nella figura del Faust: scaturito dalla penna di Goethe, il Faust trova nella dimensione del viaggio la redenzione grazie all’amore di una donna. È una “rapsodia” visionaria, che rispecchia la frammentarietà delle opere originali: Schumann dialoga con l’immaginario iconografico evocato dal poema goethiano – entrambi in traduzioni italiane ottocentesche, rispettivamente di Vittorio Radicati e di Andrea Maffei. Ecco che la scena riprende la concezione teatrale di Goethe, che vede il teatro come uno strumento per comprendere il mondo e attraversarlo: «con prudente velocità… dal Ciel sino all’Inferno».

 

PARADISO XXXIII

Prima assoluta

Teatro Alighieri
Date: dall’11 al 13 ottobre
Orario: 21.00

Di Elio Germano
Con Elio Germano, Teho Teardo

Regia Simone Ferrari & Lulu Helbaek
Light design Pasquale Mari
Video artists Sergio Pappalettera, Marino Capitanio
Scene design Matteo Oioli

In coproduzione con Infinito Produzioni, Fondazione Teatro della Toscana, Teatro Franco Parenti, Teatro Galli di Rimini, Teatro Abbado di Ferrara

Un anno fa appena, la sua voce riecheggiò dei versi dell’ultimo Canto della Commedia e ora, idealmente, concluderà questo anno di Celebrazioni Dantesche ricco di eventi. Elio Germano su quello stesso canto del Paradiso, il XXXIII chiuderà il cerchio. Dal suono «etterno» della parola dantesca germogliano le imprevedibili note di Teho Teardo, famoso compositore d’avanguardia, avvolta nell’aura magica di un’immagine visionaria e impalpabile firmata dai poeti Simone Ferrari e Lulu Helbaek.

wpChatIcon