Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› La Città ›› Informazioni generali sulla città ›› Il Cimitero Monumentale

Il Cimitero Monumentale

Cimitero Monumentale

Un mio illustre predecessore, Tullo Ginanni Corradini, primo Sindaco radical-progressista di Ravenna (a fine ottocento), volle per sé un'umile sepoltura in terra, e sulla sua lapide fece scrivere: "Tutti gli uomini sono uguali, anzitutto di fronte alla morte".
Eppure il Corradini, Sindaco, Deputato, nobile, ricco, famoso principe del foro ravennate dove aveva esercitato l'avvocatura per un quarantennio, avrebbe potuto avere prestigioso monumento nella tomba di famiglia dei Conti Ginanni Corradini, collocata nel Pantheon del nostro Cimitero.
Grazie alla ricerca, è stato possibile rintracciare il modesto sepolcro del Sindaco Corradini, così come quelli, più o meno monumentali, di tanti personaggi ravennati dei quali molti concittadini e forestieri spesso ci chiedono informazioni, per poterne onorare la memoria con una visita al nostro Cimitero urbano.
Purtroppo alcuni illustri Ravennati non riposano nella nostra Certosa.
Le segnalazioni qui riportate rappresentano solamente uno spaccato, certo non esaustivo, della società ravennate, dall'inizio dell'800 fino alla metà del '900, volendo così rendere omaggio a tutta la Città della Memoria.

Edizione 2 novembre 2000
Vidmer Mercatali
(Sindaco di Ravenna)

Ravenna, Città ricca di sepolture illustri, con un antico Sovrano - Teodorico - che riposa nella duna sabbiosa ed asciutta, sulla Via del Cimitero.
Passata la tomba del Re, è posto il Camposanto sui dossi, dal mare segnati di conchiglie e arenile.
Là è l'ultima dimora, dai Ravegnani detta "la casa nostra in pineta", dove il vento marino spira la brezza del pomeriggio tra i rami e apre il silenzio per profumare di resina l'eterno riposo della Città della Memoria.

Anna Maria Valli Spizuoco - Beppe Rossi
(Associazione Culturale "Ravenna per Ravenna")