Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Le città come beni comuni ›› Progetto “Oplà dalla scuola alla città”

Progetto “Oplà dalla scuola alla città”

 
Bambini

 

Nel mese di settembre 2017 partirà il progetto “Oplà dalla scuola alla città” con l'obiettivo di rigenerare e riorganizzare gli spazi didattici esterni alle scuole come luoghi di partecipazione dei cittadini affinché diventino bene comune e, quindi, punto di incontro tra famiglie e città.

Il progetto ha ottenuto dalla Regione Emilia-Romagna un contributo economico nell’ambito del bando per la concessione dei contributi a sostegno dei progetti partecipativi della L.R. n. 3/2010 “Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali”. I progetti presentati sono stati 57, 45 quelli certificati e 29 quelli finanziati.

Si partirà con una fase di studio: analisi delle potenzialità delle singole aree verdi scolastiche, valutandone le opportunità e le potenzialità a essere spazio aperto alla città. Il progetto sarà un percorso partecipato che prevede incontri di gruppi di discussione con i principali soggetti coinvolti, tavoli di lavoro tematici, esposizioni urbane, camminate di quartiere, esperienze condivise di mappatura urbana e altre modalità partecipative capaci di coinvolgere quanti più soggetti e realtà possibile, in modo da garantire l'efficacia delle opportunità di confronto e arricchire le proposte progettuali.

Le diverse fasi del processo partecipativo sono pensate per raggiungere diversi target e cogliere la preziosa occasione di condividere e accrescere la cultura del bene comune. Gli spazi diventeranno riferimento per la socialità e le relazioni, tappa evolutiva fondamentale nel percorso verso la costruzione di una città più accogliente e inclusiva. Hanno aderito, sottoscrivendo un primo accordo formale, alcune realtà già impegnate in attività didattiche in collaborazione con le scuole del territorio, in particolare Condotta Slow Food e le associazioni Un Mosaico di Idee e Giardino e dintorni.

Il progetto dovrà concludersi nella primavera del 2018.