Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Notizie di copertina ›› Eventi climatici avversi della prima decade di dicembre: ricognizione preliminare delle segnalazioni di danni da parte di cittadini e imprese

Eventi climatici avversi della prima decade di dicembre: ricognizione preliminare delle segnalazioni di danni da parte di cittadini e imprese

La Regione Emilia-Romagna ha trasmesso ai Comuni la modulistica con la quale le attività produttive e i privati cittadini possono segnalare i danni occorsi loro in occasione degli eventi climatici avversi della prima decade di dicembre 2020.

Gli esercenti una attività produttiva devono compilarla e presentarla entro il 12 gennaio; i privati cittadini devono compilarla e presentarla entro il 22 gennaio con le seguenti modalità:

  • a mezzo mail all’indirizzo “protezionecivile@comune.ravenna.it”;
  • a mano, presso l’ufficio protezione civile, viale Farini 21 secondo piano, previo appuntamento telefonico. Il Comune di Ravenna ha infatti messo a disposizione un apposito ufficio al quale ci si può rivolgere per consulenza telefonica, assistenza e qualsiasi chiarimento per la compilazione e presentazione delle domande, telefonando ai numeri 0544/482088 e 0544/482301, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.

Si rammenta che la presentazione delle schede non darà diritto automatico a rimborsi e che l’eventuale riconoscimento di contributi rimane chiaramente subordinato e condizionato all’adozione di appositi provvedimenti nazionali, con riferimento sia ai territori effettivamente colpiti sia alle fattispecie di danno ammissibili e agli importi e alle percentuali applicabili. Al momento infatti, dopo la richiesta di stato di emergenza firmata dal presidente della Regione Emilia-Romagna il 7 dicembre, si rimane in attesa della eventuale adozione della deliberazione del Consiglio dei ministri di “Dichiarazione dello stato di emergenza nazionale” nei territori colpiti e della emanazione della successiva ordinanza del capo dipartimento della Protezione civile (provvedimenti propedeutici e necessari per l’effettivo riconoscimento dei danni occorsi).