Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Notizie di copertina ›› Il 27 gennaio ricorre il Giorno della Memoria. Tutti gli appuntamenti

Il 27 gennaio ricorre il Giorno della Memoria. Tutti gli appuntamenti

Con due spettacoli teatrali proposti alle classi terze delle scuole secondarie di primo grado del territorio comunale, si apre martedì 19 gennaio, il calendario di eventi dedicati al Giorno della Memoria (27 gennaio, anniversario dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, nel 1945), che prevede anche altre iniziative e che culminerà in alcuni appuntamenti pubblici promossi per il 27 e il 28 gennaio e per il 3 febbraio.

Gli interventi teatrali per gli studenti sono organizzati dall’assessorato al Decentramento del Comune, in collaborazione con l’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in Ravenna e provincia. Si tratta di “Anna Frank”, lettura scenica con Anita Guardigli dell’associazione culturale Asja Lacis, e di “Kaninken”, di Antonella Gullotta, con Elio Ragno, drammaturgia e regia di Eugenio Sideri, produzione Lady Godiva Teatro.

Il primo è andato in scena martedì 19 gennaio alle 10.30 alla scuola Romolo Gessi di San Pietro in Vincoli, di seguito mercoledì 20 alle 11 alla Guido Novello,lunedì 25 alle 8.30 alla sala polivalente di Sant’Alberto per la scuola Corrado Viali e alle 10.30 alla Manara Valgimigli di Mezzano; martedì 26 alle 9 e alle 10.30 alla sala Tamerice di Castiglione di Ravenna per la scuola Goffredo Zignani; mercoledì 27 alle 8.30 alla scuola Francesco Casadio di Piangipane; giovedì 28 alle 9.05 e alle 11.15 alla Mattei di Marina di Ravenna; venerdì 29 gennaio alle 8.30 alla Don Minzoni.

Il secondo è in programma venerdì 22 gennaio, lunedì 25 e venerdì 29 gennaio alle 10 alla scuola Ricci-Muratori; martedì 26 alle 11, mercoledì 27 alle 9 e alle 11 alla Mario Montanari; giovedì 28 alle 11 alla Guido Novello; martedì 2 febbraio e venerdì 5 alle 10 alla Don Minzoni; sabato 6 alle 10 alla Vittorino da Feltre di San Pietro in Campiano; sabato 13 febbraio e sabato 20 alle 10 alla San Pier Damiano.

Inoltre, per quanto riguarda il consiglio territoriale di Roncalceci, sarà proposta la seguente iniziativa: Maria Peri incontrerà alunni e cittadini per illustrare la vita del nonno Odoardo Focherini, che nel 2007 è stato insignito della medaglia d’oro al Merito Civile per aver salvato la vita ad oltre un centinaio di ebrei, giovedì 28 alle 14 alla scuola primaria Martiri del Montone di Roncalceci e alle 21 al centro polivalente di via Taverna 79 a San Pietro in Trento (incontro aperto a tutti), venerdì 29 alle 9 alla scuola primaria di San Zaccaria.

Anche quest’anno poi le biblioteche dell’Istituzione Biblioteca Classense ricordano il Giorno della Memoria con percorsi bibliografici a tema.

 

INIZIATIVE IN PROGRAMMA IL 27 GENNAIO 2016

Omaggio alla lapide della Stazione
L’omaggio alla lapide che ricorda gli ebrei transitati per la stazione di Ravenna con destinazione Auschwitz è l’appuntamento che simbolicamente darà avvio, alle 9, alle iniziative. Saranno presenti tra gli altri il sindaco Fabrizio Matteucci, la presidente del consiglio comunale Livia Molducci e alcuni studenti del liceo classico Dante Alighieri.

“Dante e San Francesco D’Assisi, "campioni" di pace”
Alle 8.30 alla sala Ragazzini di largo Firenze, “Dante in rete” partecipa alla Giornata della Memoria con il progetto “Dante e San Francesco d’Assisi, ‘campioni’ di pace” (ingresso a invito). Gli studenti del liceo classico Dante Alighieri, del liceo scientifico Oriani, dell’Itis Baldini e del liceo artistico Nervi-Severini, coordinati dalla professoressa Paola Rossi, presenteranno i lavori realizzati. L’iniziativa è promossa in collaborazione con il Centro Dantesco e l’Istituto Storico della Resistenza, con il patrocinio del Comune e della Provincia.

Il contributo della Consulta dei Ragazzi e delle Ragazze
Alle 9.30 invece nella sala del consiglio comunale si riunirà la Consulta dei ragazzi e delle ragazze per “Una lettura per la memoria” e per le riflessioni dei giovani partecipanti; interverranno per un saluto il sindaco Fabrizio Matteucci e l’assessora all’Istruzione Ouidad Bakkali.

Mostra “Il viaggio della memoria”
Alle 10.30 nella ex chiesa Santa Maria delle Croci, in via Guaccimanni 5, sarà inaugurata la mostra “Il viaggio della Memoria” allestita dagli studenti del liceo artistico Nervi-Severini, alla presenza del sindaco Fabrizio Matteucci e della dirigente dell’Artistico Mariateresa Buglione.

Una targa in memoria di Giorgio Gaudenzi
Gli studenti del liceo artistico – nello specifico quelli dell’indirizzo arti figurative potenziamento mosaico – hanno realizzato anche la targa che sarà inaugurata alle 11.30 alla scuola elementare Mordani, in memoria del direttore didattico Giorgio Gaudenzi. Interverranno alla cerimonia il sindaco Fabrizio Matteucci, il dirigente dell’istituto comprensivo Guido Novello Gennaro Zinno, la dirigente dell’Artistico Mariateresa Buglione, Danilo Naglia, Silvano Rosetti e Sergio Squarzina, ex compagni di scuola di Roberto Bachi, alunno della scuola Mordani nell’anno scolastico 1937/38, morto ad Auschwitz in data ignota. Nell’occasione sarà consegnato il logo per l'istituto comprensivo Novello realizzato dagli allievi dell’indirizzo di grafica dell’Artistico. E’ prevista inoltre l’esibizione del coro Libere Note diretto da Catia Gori ed Elisabetta Agostini.
Giorgio Gaudenzi, fondatore del progetto Roberto Bachi, dal 2003 ha sensibilizzato migliaia di studenti del territorio ai temi della pace, degli ideali civili, dell’impegno democratico, fondamenti di cui il Mordani ha fatto una sua bandiera, cogliendo l’eredità e il patrimonio educativo dello stesso Gaudenzi.
Il coro proporrà brani ideati nel corso degli anni, proprio in occasione del concorso dedicato a Roberto Bachi; uno di questi, “Se tu fossi”, ha vinto il concorso regionale “Creatività in musica” nel 2009. La musica, parte integrante dell’offerta formativa della scuola Mordani, è stata promossa proprio dal direttore Gaudenzi, che sottolineava come l’educazione all’ascolto, la condivisione di un progetto comune, il rispetto delle regole condivise intonassero aspetti etici e relazionali che la scuola nel suo compito di formazione permanente dei futuri uomini e donne di domani non può eludere. I bambini invieranno la registrazione del concerto al presidente della Repubblica, come dono e testimonianza di partecipazione attiva a questo importante evento.

“Concerto della memoria” nel convento dei Cappuccini
Infine, alle 21 nel convento della chiesa dei Cappuccini, in via Oberdan, Emilia Romagna Concerti e Amnesty International propongono un Concerto della Memoria che unirà alla parte musicale la lettura di alcuni testi. Dopo una breve introduzione letta da Mario Battaglia e incentrata sulle Sacre Scritture saranno sei giovani studenti ravennati provenienti dal Liceo Classico, Francesca De Lorenzi e Emanuele D’Eliseo, dal Liceo Scientifico, Angelica Achilli e Mattia Tusoni e dall’Itis, Silvia Dughiero e Nicola Giannelli, a leggere alcune brevi composizioni scritte da bambini e adolescenti internati nel Campo di Concentramento di Terezin.
Saranno presenti anche alcuni allievi del Liceo Artistico che tradurranno in immagini e colori le suggestioni e le emozioni suscitate dalla musica e dai testi. La parte visiva della serata è a cura di Leonardo Casadei.
La parte musicale sarà eseguita dal giovane Quartetto Adorno composto da Edoardo Zozi e Liù Pelliciari violini, Benedetta Bucci viola e Danilo Squitieri violoncello. Il programma prevede: Shostakovich Quartetto n. 8 op. 110 “In memoria delle vittime del fascismo e della guerra”, Webern “Langsamer Satz”, David Zehavi e Hanna Sznes “Towards Caesarea”, Barber il celebre “Adagio”. Per l’aria “Lascia ch’io pianga” di Haendel si aggiungeranno al Quartetto Rebecca Vannicelli mezzosoprano e Chiara Cattani clavicembalo. Per informazioni sui biglietti www.teatroalighieri.org e erconcerti@yahoo.it

 

INIZIATIVE IN PROGRAMMA IL 28 GENNAIO 2016

Lectio magistralis su “I campi di concentramento e la Shoah”
Alle 10alla sala Corelli del teatro Alighieri il professor Dieter Pohl, storico e docente di storia contemporanea all’Università di Klagenfurt, terrà una lectio magistralis sul tema “I campi di concentramento e la Shoah”.L’incontro sarà aperto dal saluto del sindaco Fabrizio Matteucci e dalla presentazione di Alessandro Luparini, direttore della Fondazione Casa di Oriani, e di Giuseppe Masetti, direttore dell’Istituto Storico della Resistenza. L’appuntamento è organizzato in collaborazione con Memorial de la Shoah, Istituto Storico della Resistenza di Ravenna e Fondazione Casa di Oriani, Istituto provinciale per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena. E’garantita la traduzione simultanea; per prenotazioni 0544-84302.

Roncalceci, la testimonianza della nipote di Odoardo Focherini, Medaglio d'Oro al merito civile per aver salvato la vita a oltre cento ebrei
Alle 21 al centro polivalente di via Taverna 79 a San Pietro in Trento è in programma un incontro pubblico, promosso dal consiglio territoriale di Roncalceci in collaborazione con il comitato cittadino, con Maria Peri, nipote di Odoardo Focherini, che nel 2007 è stato insignito della medaglia d’oro al Merito Civile per aver salvato la vita ad oltre un centinaio di ebrei.
Nato a Carpi il 6 giugno 1907, morto a Hersbruck il 27 dicembre 1944, Focherini è stato un dirigente d’azienda e intellettuale cattolico italiano, medaglia d’oro al Merito Civile della Repubblica italiana e iscritto all’Albo dei Giusti tra le Nazioni a Yad Vashem per la sua opera a favore degli ebrei durante l’Olocausto, per la quale fu arrestato e morì nel campo di concentramento di Hersbruck in Germania. “Se tu avessi visto, come ho visto io in questo carcere, come trattano gli ebrei qui dentro, saresti pentito solo di non averne salvati di più”, disse al cognato Bruno Marchesi nel carcere di San Giovanni in Monte a Bologna.
Il 10 maggio 2012 papa Benedetto XVI ha firmato il decreto che riconosce il martirio in odium fidei. Tale riconoscimento ha aperto la strada alla beatificazione di Focherini, celebrata a Carpi il 15 giugno 2013. Maria Peri alle 14 incontrerà anche gli alunni delle classi quarte e quinta della scuola primaria Martiri del Montone di Roncalceci; Il giorno dopo alle 9 quelli della scuola primaria di San Zaccaria.

 

MERCOLEDÌ 3 FEBBRAIO UNA APP DEDICATA ALLE PARTIGIANE

Infine mercoledì 3 febbraio alle 10 alla sala D’Attorre di Casa Melandri gli studenti del liceo classico Dante Alighieri presenteranno la app, da loro realizzata su idea dell’Anpi regionale e con il contributo della Regione, “La presenza delle donne nell’antifascismo e nella lotta di liberazione in Emilia-Romagna. L’universalità e l’attualità di quegli ideali nella società moderna”. Saranno presenti le protagoniste. Porteranno il loro saluto il sindaco Fabrizio Matteucci, il presidente provinciale e regionale dell’Anpi Ivano Artioli, la dirigente del Classico Patrizia Ravagli, il professor Daniele Morelli, coordinatore del progetto.