Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Notizie di copertina ›› “Le tue scarpe al centro”: anche nel ravennate la raccolta di vecchie scarpe per crare il pavimento di un parco giochi nelle zone terremotate con la gomma riciclata

“Le tue scarpe al centro”: anche nel ravennate la raccolta di vecchie scarpe per crare il pavimento di un parco giochi nelle zone terremotate con la gomma riciclata

E’ partita anche nel ravennate la raccolta delle vecchie scarpe da ginnastica, per ricavare dalla suola, la gomma necessaria a creare il pavimento di un parco giochi nelle zone terremotate

L’economia circolare può partire anche da un vecchio paio di scarpe da ginnastica o di infradito. Chissà quante ne abbiamo buttate, in tanti anni di sport, gioco, camminate, vacanze. Possono però essere utili ancora una volta, per farci diventare protagonisti di un riciclo virtuoso, grazie al progetto “Le tue scarpe al centro”, promosso dalla Regione Emilia-Romagna, dai Centri di Educazione alla Sostenibilità e da Arpae e sviluppato a livello locale dal Comune di Ravenna e dai Comuni dell’Unione della Bassa Romagna, in collaborazione con Hera.

Il progetto è possibile anche grazie all’importante collaborazione di soggetti come le scuole e le associazioni, in particolare a Ravenna Lions Club e Trail Romagna e 27 associazioni sportive e ambientaliste della Bassa Romagna*.

L’iniziativa è stata presentata da Gianandrea Baroncini e Roberto Fagnani assessori del Comune di Ravenna, Riccardo Francone Sindaco del Comune di Bagnara di Romagna con delega allo Sport per l’Unione Comuni della Bassa Romagna e Mirko Regazzi, Presidio tecnico e innovazione della Direzione servizi ambientali Gruppo Hera e alla presenza di Marco Bonitta Direttore generale del Porto Robur Costa; tre i testimonial d’eccezione: l’olimpionico Lorenzo Bilotti (bob a 4), Santiago Orduna capitano della Bunge Porto Robur Costa e Loris Cappanna, campione italiano di mezza maratona paralimpica categoria T11, hanno mandato un messaggio di sostegno al progetto.
"Da giovane atleta del territorio - ha scritto Bilotti - da olimpionico ma anche da cittadino, sono orgoglioso di sposare questo progetto, farlo conoscere a chi ancora non ne avesse sentito parlare. Tutti possiamo sentirci parte ed è proprio questo è il bello, infatti liberando un posto nella scarpiera, magari anche con un solo paio di scarpe da ginnastica usurate, possiamo migliorare il nostro territorio”.

Il progetto, che si svolgerà dall’1 aprile al 15 giugno, si basa sulla raccolta di scarpe da ginnastica e infradito, dalle quali sarà recuperata la gomma della suola. Una volta trattata diventerà un morbido granulato, adatto a creare la pavimentazione anti trauma per i parchi gioco. Una pavimentazione sarà donata ai bambini di Amandola, comune marchigiano colpito dal sisma del 2016. “Le tue scarpe al centro”, consentirà ai cittadini di compiere un bel gesto di solidarietà, oltre ad avvicinarli ai valori dell’economia circolare, che vede nei rifiuti una risorsa e punta ad un nuovo modello economico non più basato sullo sfruttamento delle risorse naturali ma appunto “circolare”, in cui le materie sono costantemente riutilizzate.

Partecipare al progetto è semplice: basta portare le proprie scarpe da ginnastica o le infradito in gomma, in una delle stazioni ecologiche della provincia di Ravenna o presso le palestre e le scuole aderenti, del Comune di Ravenna e dei Comuni della Bassa Romagna. Saranno infatti circa 90 i punti di raccolta, il cui elenco può essere consultato sui siti dei comuni o su quello di Hera. I volontari delle varie associazioni e delle scuole, provvederanno, secondo precisi calendari, allo svuotamento dei contenitori presenti nelle strutture del territorio, presso le quali gli operatori di Hera hanno provveduto a posizionarli.

Fino al termine del progetto, le Amministrazioni comunali proporranno ai cittadini anche tante iniziative, per mantenere alta l’attenzione su questa particolare raccolta.

Si segnala inoltre che l’iniziativa, è finalista per il premio alle migliori azioni proposte in occasione della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti. La cerimonia di premiazione si terrà a Catania il prossimo 13 aprile.