Sito Ufficiale del Comune di Ravenna

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Ravenna
 
 
 
 
Siti e portali esterni
 
Sei in: Home ›› Aree Tematiche ›› Anagrafe e immigrazione ›› Festival delle Culture ›› Edizione 2019 ›› Programma Festival 2019 ›› PROGRAMMA DI SABATO 8 GIUGNO

PROGRAMMA DI SABATO 8 GIUGNO

SABATO 8 GIUGNO
ore 10,30 / Spazio dibattiti - Darsena di città
Le prospettive di una società "sicura" che non accoglie
Ne parliamo con addetti ai lavori, enti del terzo settore, mondo del lavoro, del commercio e artigianato.
Saluti delle Istituzioni - Intervengono: Luca di Sciullo – direttore Idos e curatore del dossier statistico, Paolo Fasano – Politiche per l’Immigrazione del Comune di Ravenna, Antonio Luordo – referente del sindacato SGB di Ravenna, modera la giornalista Barbara Gnisci. A seguire dibattito.

ore 18,30 / Almagià
DANZA DELLA PACE
Bambini provenienti da diversi paesi, giocano intorno al tema della pace e dell'incontro tra i popoli, e insieme animano canzoni e fiabe con danze e pantomime. A cura dell'ass. Malva e dell'ass. Linguamadre

ore 19,00 / Almagià
INTRECCI DANZANTI
Misteriosi ritmi tribali muovono la danza nella leggerezza del corpo e dell'anima africana. Spettacolo di musica e danza a cura dell'associazione senegalese As.Ra. insieme all'associazione musicale Jakkar

ore 19,45 / Almagià
KUNAWOLO
Il trio di percussionisti Kunawolo si esibisce in uno spettacolo travolgente proponendo ritmi e suoni dall'Africa occidentale con l'utilizzo dei loro djambe e dundu. In collaborazione con coop. CIDAS

ore 20,15 / Almagià
CIULEANDRA – Danza delle melerbe
Un ballo, una sorta di rituale praticato dai Geti (gli antichi abitanti di quella terra che fu poi conosciuta come Dacia). La Ciuleandra serviva a trasmettere messaggi al dio Zamolxis. Musica dal vivo dei Prestige, a cura dell'ass. Romania Mare.

ore 21,00 / Spazio dibattiti - Darsena di città
IMMIGRAZIONE ZERO: CULTURA
Intervengono: Eraldo Affinati (scrittore e insegnante), Vito Mancuso (teologo e docente), Francesca Mannocchi (reporter freelance), modera Rosa Polacco.

ore 21,45/ Almagià
EGUNGUN
Libera danza tradizionale Yoruba in Masquerade di buon auspicio e buona fortuna. Questa maschera di Egungun, che appare in occasioni speciali, è una delle infinite tipologie di questo Orisha diffuso in moltissime culture di tutto il mondo d'influenza Yoruba. A cura dell'associazione Oodua Progressive Union
MANOFUNK
Mani romagnole e mani afro a muovere musica e far ballare funk. Concerto con interventi della masquerade di Egungun.
Stefano Fabbri: percussioni africane e non | Manuel Montero: Batteria | Vonn Washington: Basso e voce | Nicola Dotti: chitarra e voce. In collaborazione con l'ass. Oodua Progressive Union

ore 22,30 / Almagià
APPINDRE/TNT/WOYO
Tre danze dalla Costa d'Avorio: APPINDRE, tipica della regione centrale, è una danza rituale piena di gioia con cui i contadini ringraziavano dei raccolti floridi e abbondanti. Con la musica tradizionale della cantante Sidonie la Tigresse; TNT (tutto il nostro talento) uno spensierato ballo moderno per ricordare come si ballava negli anni '70/'80; WOYO è una dimostrazione di danze tipiche con tamburo. A cura dell'ass. Ivoriana di Ravenna e Provincia
ore 23,00 / Almagià
BARO DROM ORKESTAR in concerto
Il quartetto, nato con la passione per le ritmiche infuocate dell’Est Europa e per le melodie del Mediterraneo, ha negli anni sviluppato un proprio linguaggio originale. Nelle nuove composizioni si possono scovare sonorità brasiliane, echi di musica mongola e ritmiche africane. Ascoltare strumenti ancestrali come il berimbau o l’udu amalgamarsi con le melodie della fisarmonica e del violino, sentire vecchi farfisa e un contrabbasso distorto cadenzare il passo di danze ipnotiche. Un mondo sonoro inedito che non tradisce però l’energia e lo stile che ha sempre contraddistinto la band.
Vieri Bugli: Violino ed effetti | Modestino Musico: Fisarmonica | Synth Michele Staino: Contrabbasso Elettrico | Gabriele Pozzolini: Batteria Tamburi a Cornice Elettronica